Cristina (Paola Cortellesi) con il marito Michele (Luca Argentero) e i due figli Vittorio e Fortuna, vive la propria vita tranquilla a Bolzano cercando, con tutti i modi possibili, di nascondere in società le proprie origini meridionali.
Un giorno la sua esistenza viene sconvolta dalla notizia che suo fratello Ciro (Rocco Papaleo) è rimasto coinvolto in un processo della camorra ed ha chiesto, in attesa della sentenza, di trascorrere gli arresti domiciliari in casa della sorella.
A questo punto si verranno a generare tutta una serie di situazioni e di sotterfugi, da parte di Cristina, proprio per arginare la disgrazia venuta a turbare la sua vita e quella della sua famiglia.
Alla fine si scoprirà che Ciro non è altro che un ladruncolo sfigato che non ha nulla a vedere con la malavita organizzata camorristica.
Luca Miniero, dopo il successo di Benvenuti (al sud e poi al nord), si è lasciato tentare ancora una volta di portare in scena la contrapposizione tra meridione e settentrione d’Italia, con un film a tratti divertente a tratti banale, tutto giocato sulla bravura di Paola Cortellesi e di Rocco Papaleo, quest’ultimo abbastanza credibile nella figura grottesca attribuitagli dal regista.
Questo film, molto apprezzato dal pubblico, dal sapore tutto nordico ci suggerisce una ricetta semplice, ma d’effetto: rollò di pasta con ricotta e spinaci.

INGREDIENTI: 500 grammi di farina – 5 uova –250 grammi di parmigiano grattugiato – una noce moscata grattugiata – 200 grammi di burro – 600 grammi di spinaci – 500 grammi di ricotta fresca – sale e pepe q.b.
PROCEDIMENTO: Lavorare bene la farina con quattro uova ed un pizzico di sale e lasciare riposare l’impasto per un’ora in frigorifero. Procedere intanto alla preparazione del ripieno, prima cuocendo gli spinaci e poi, dopo averli strizzati bene, mescolandoli a pezzetti con la ricotta, il parmigiano, la noce moscata, un uovo ed un poco di pepe.
Dall’impasto ricavare due quantità uguali e quindi stendere due sfoglie omogenee e di forma rotonda, a questo punto distendere bene il ripieno, arrotolare e sigillare gli estremi in modo da ottenere due rollò uguali e ben chiusi. Avvolgere i singoli rollò in due tovaglioli bianchi, legare gli estremi e fare cuocere in acqua bollente e salata per circa mezz’ora. A questo punto il rollò va tagliato a fette e servito con burro fuso e parmigiano abbondante.

Share This