Dopo la complessa vicenda di Suez la Gran Bretagna piomba in una profonda crisi economica e politica. Elisabetta II deve affrontare anche gravi difficoltà in famiglia: l’irrequieto marito, la sorella Margaret, le critiche sempre più crescenti contro la Monarchia, segno pressante dei “nuovi tempi”, l’affare Profumo ed infine i Kennedy a conclusione dei suoi primi 10 anni di regno …

Dopo una prima Stagione stupefacente ed emozionante anche la Seconda si conferma altrettanto coinvolgente e di elevata qualità. Impeccabilmente realizzata, è “bella” senza essere mai “finta”!!

Il taglio resta difatti squisitamente molto cinematografico, il frutto di un continuo lavoro di cesello sulla messa in scena con il supporto di dialoghi veri ed intelligenti e di un ritmo narrativo costante. Certo, una parte dell’emozione e dell’interesse iniziale può anche diminuire nel corso dei nuovi 10 episodi perché, da una parte ci si abitua a tutto, anche alla qualità, e, dall’altra perché, venuto meno un coprotagonista del calibro di Winston Churchill, alcuni episodi sono ineguali in funzione del personaggio su cui l’episodio è centrato. Ciò non di meno siamo nella più piena continuità della eccellenza della scrittura e della realizzazione. Si sente veramente tutta la passione di Peter Morgan per il soggetto. L’evoluzione della Regina è infatti magistralmente delineata. Con brevi ed incisivi tocchi si assiste alla sua progressiva “maturazione” davanti alla necessità di dover far sopravvivere un’Istituzione portandola a “democratizzarsi” adattandola ad un incontro fra Tradizione ed urgenza di Modernizzazione.

Questa 2° Stagione è quindi all’apparenza più intimista e tenuta insieme dal filo rosso del rapporto personale fra la Regina ed il Principe Filippo e l’irrealizzata sorella Margaret. Evidenziando le debolezze e le frustrazioni all’interno della Famiglia Reale e le complesse relazioni personali ed istituzionali, il regista valorizza l’umanità dei suoi personaggi reali pur a fronte della fastosità che li circonda. Umanizza così facendo l’Istituzione!!

Gli attori tutti sono sempre giusti e perfetti, soprattutto il vasto coro dei coprotagonisti. Claire Foy continua a rendere sempre più magistralmente la fragilità esteriore e la forza interiore di questa figura insondabile che è Elisabetta II, le si affianca Vanessa Kirby bella e formidabile nei panni della principessa Margaret di cui, con pochi gesti, sa renderci tutta l’amara irrequietezza e fragilità emotiva.

The Crown conferma quindi, anche in questa Seconda Stagione, di essere ben al di sopra della massa delle altre serie tv per qualità cinematografica e capacità narrativa e di sapere affascinare il pubblico raccontando la Storia intrecciando, con grazia tutta “british”, la “piccola” con la “grande”.

La si gusta in ogni episodio come una buona tazza di ottimo tè inglese con i giusti pasticcini!

data di pubblicazione:15/01/2021

Share This