(Festival Internazionale del film di Roma 2014 – Prospettive Italia)

Il film documentario di Filippo Vendemmiati ci porta dentro il carcere di Bologna dove da un pò di tempo è stata organizzata una officina meccanica in cui una quindicina di detenuti, sotto la vigile e rigorosa assistenza di tutor esterni (operai specializzati già in pensione), imparano un mestiere.

Lo spettatore rimane subito ed a tal punto affascinato dall’entusiasmo dei protagonisti, da arrivare a  dimenticare quasi il tedio di tutte quelle spiegazioni meccaniche che, altrimenti, appesantirebbero la narrazione. Il lunedì, il giorno del ritorno al lavoro settimanale, è per tutti il giorno peggiore della settimana, ma questo principio non vale per i detenuti-operai che invece aspettano, dopo un fine settimana di noia, il ritorno all’attività in officina. E’ proprio dalla storia personale dei singoli detenuti che apprendiamo infatti come la logica e le aspettative di ognuno di noi siano diverse e a volte si contrappongano, proprio perché opposti sono i punti di osservazione.

Molto interessante questo Meno male è lunedì, che ci mostra come anche nelle carceri italiane ancora tanto si può fare per migliorare la condizione dei detenuti, soprattutto per preparali ad un eventuale reinserimento nella società una volta in libertà. Ottima la fotografia; unica pecca è nella cattiva qualità del sonoro con un tono delle conversazioni che risultava troppo alto, tanto da impedire a volte di cogliere al meglio i dialoghi.

data di pubblicazione 23/10/2014

[sc:convinto]

Share This