Interessante l’intento della Baily di rileggere in chiave positiva il tentativo, raccontato in 16 ottobre 1943 di Debenedetti, di una donna che cerca di salvare un bambino dalla deportazione nazista senza, ahimè, riuscirci.

È l’alba del 16 ottobre 1943, Chiara Ravello sta attraversando le strade del ghetto mentre i nazisti stanno rastrellando uomini, donne, bambini: la loro destinazione, sappiamo senza ritorno, sarà Auschwitz.

La donna alza gli occhi e incrocia lo sguardo di una donna ebrea sul camion; è una madre, ha tra le braccia una bimba piccina, un’altra è in braccio al marito, un bambino poco più grande si regge al vestito della madre. Le due donne si fissano, quella sul camion cerca di staccare da sé la mano del figlio, quella sulla strada grida “è mio nipote, quel bambino è mio nipote…” il tempo si ferma, il bambino, Daniele, viene fatto scendere dal camion, gli sguardi delle due donne non si incroceranno più. La prima resterà muta su quel camion che la porterà verso la morte consapevole di avere dato perlomeno una speranza al proprio figlio, la seconda stringe a sé il bambino e va via.

La struttura del romanzo è classica; i capitoli si alternano, uno via l’altro, tra presente e passato. I personaggi che incontriamo, l’amica Simone, la sorella Cecilia, il barista Gennaro, fanno da contorno alle vite di questa madre “adottiva” e del bambino che crescerà, alla loro vita insieme, ai segreti sottaciuti, alle ingerenze nella Storia, per non doverlo “riconsegnare” alla fine della guerra, le rivelazioni che stravolgeranno le loro vite… immagini che si rincorrono, che si inframmezzano, che si incrociano con le vicende degli altri attori.

Quindi dicevo che l’idea mi è sembrata decisamente originale, peccato che quel guizzo iniziale si perda, subito dopo, in pagine e pagine che sono poco più che descrizioni a malapena accennate di quello che è accaduto in seguito. Un argomento del genere, in una Roma assediata dai nazisti, in una Italia devastata dalle rappresaglie, avrebbe  potuto dare vita a un romanzo di una potenza, di una forza empatica inenarrabile, mentre quello che ho letto mi è sembrato un racconto a “vol d’oiseau”, si vede da lontano quello che sarebbe potuto essere e si passa oltre, senza mai approfondire…

Che dire, un vero peccato!

data di pubblicazione:11/05/2016

Share This