Nuova indagine della polizia di Tanumshede che vede protagonista la squadra guidata da Patrik Hedström, con il fondamentale supporto dalla moglie, la scrittrice Erica Falck.

Erica sta facendo ricerche per il suo nuovo libro, che ha per oggetto l’omicidio, avvenuto negli anni Ottanta, della piccola Stella di quattro anni, ritrovata cadavere in uno stagno nel bosco dietro casa: ree confesse, vennero condannate le due tredicenni Hellen e Marie alle quali era stata affidata Stella e che, in seguito, ritrattarono le loro dichiarazioni proclamandosi innocenti.

Hellen non si è mai allontanata da Fjällbacka, se non per un limitato periodo di tempo subito dopo la sentenza di colpevolezza, si è sposata ed è tornata a vivere nella casa avita con il marito; Marie è la prima volta che torna “a casa” dopo essere andata via da Fjällbacka  all’indomani del processo ed è la carriera di star hollywoodiana che la riporta nel suo paese natale per le riprese di un film.

Proprio quando le due “omicide” sono di nuovo contemporaneamente a Fjällbacka avviene un nuovo omicidio, quello di Linnea, una bambina della stessa età di Stella che viveva con i genitori in quella che era stata proprio la casa di Stella: il suo corpicino viene ritrovato nel bosco dietro casa, vicino allo stagno dove era stata ritrovata Stella…

Troppe le coincidenze per non pensare che i due casi siano correlati; ma per questa seconda morte Hellen e Marie hanno un alibi e i dubbi che sorgono a Patrik sono molteplici: fu un errore non credere alla ritrattazione delle due adolescenti in occasione del primo omicidio? Per tutti questi anni un killer si è aggirato libero fino a scatenare ancora la sua furia omicida al ripresentarsi delle situazioni presenti nel primo omicidio? Oppure si tratta di un semplice emulatore?

Mentre Patrik porterà avanti le indagini sull’omicidio di Linnea con la sua squadra, Erica metterà ancora più impegno nello scavare nel passato, nell’intervistare i testimoni del primo omicidio per riportare a galla qualche verità che, forse, è stata taciuta per troppo tempo.

Nel corso di poco meno di 700 pagine la Läckberg toccherà molteplici argomenti che creeranno un intreccio unico tra le due indagini, i vari personaggi ci presenteranno, con la propria voce, la loro verità fin quasi a costruire un rapporto personale con il lettore; gli argomenti che verranno trattati sono molteplici, dal bullismo all’immigrazione, dal razzismo all’integrazione.

Come sempre sarà presente un doppio piano narrativo che si contrapporrà alla storia presente; questa volta il “secondo piano” è la caccia alle streghe che avvenne nella provincia del Bohuslän nel 1600 e, se nel corso del romanzo può essere sembrato un dipanarsi parallelo del clima di sospetto e paura del “diverso”, nelle ultimissime pagine verrà chiarito come ci si ricollega, dopo circa quattro secoli, agli omicidi perpetrati nella magnifica cittadina sulla costa occidentale svedese.

data di pubblicazione:18/07/2017

Share This